Savoini alla cena per Putin, Palazzo Chigi: “Lo ha voluto D’Amico, il consigliere di Salvini”

Savoini alla cena per Putin, Palazzo Chigi: “Lo ha voluto D’Amico, il consigliere di Salvini”

ROMA – “E’ stato Claudio D’Amico, consigliere per le attività strategiche di rilievo internazionale del VicePresidente Salvini a far invitare Gianluca Savoini alla cena che si è tenuta a Roma, a Villa Madama, la sera dello scorso 4 luglio, in onore del Presidente Putin”. Firmato Palazzo Chigi. La presidenza del Consiglio affida advertisement una nota di poche righe la fine del giallo sull’ anomala presenza del faccendiere dell’ Associazione Lombardia-Russia alla cena ufficiale per il presidente russo i quei giorni in visita in Italia.

D’Amico, parlamentare leghista e, appunto, consigliere di Salvini, è l’uomo che tiene i rapporti con i russi. Fu infatti lui, insieme a Savoini, il regista dell’ incontro del 2014 fra Putin e Salvini.

Quando scoppia lo scandalo dei presunti soldi russi alla Lega nelle ricostruzioni, e soprattutto dalle foto, viene fuori che nel parterre di invitati, ovviamente selezionatissimi, spunta anche Savoini. La domanda sul perché stesse lì comincia a farsi largo ed anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte vuole avere una risposta. Quindi incarica i suoi uffici di ricostruire la catena che ha portato il biglietto di invito nelle mani di Savoini che non aveva alcun titolo per essere a Vacation home Madama.

In conferenza stampa il ministro dell’ Interno Salvini sostiene che non lo ha invitato lui così come non sa perché fosse alla riunione di Mosca nell’ ottobre scorso.

in riproduzione …

La domanda sul perché stesse lì comincia a farsi largo ed anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte vuole avere una risposta. Quindi incarica i suoi uffici di ricostruire la catena che ha portato il biglietto di invito nelle mani di Savoini che non aveva alcun titolo per essere a Vacation home Madama. E gli uffici di Conte sono riusciti a ricostruire come nasce la vicenda fino a scrivere una nota in cui Palazzo Chigi spiega che: “Il Presidente del Consiglio non conosce personalmente il sig. Savoini. La cena è stata offerta dal Presidente Conte e l’invito è stato esteso anche a tutti i partecipanti al Online forum di dialogo italo-russo della società civile, che si è tenuto il pomeriggio dello stesso giorno presso la Farnesina. Il suddetto Forum è stato organizzato dalla Presidenza del Online forum stesso e dall’ Ispi”.

in riproduzione …



” Dopo aver compiuto tutte le verifiche del caso – continua la nota – si precisa che l’invito del sig. Savoini al Forum è stato sollecitato dal sig. Claudio D’Amico, consigliere per le attività strategiche di rilievo internazionale del VicePresidente Salvini, il quale, tramite l’Ufficio di VicePresidenza, ha giustificato l’invito in virtù del ruolo dell’ invitato di Presidente dell’ Associazione Lombardia-Russia e ha chiesto ai funzionari del Presidente del Consiglio di inoltrarla agli organizzatori del Forum. L’invito alla cena del sig. Savoini è poi stata una conseguenza automatica della sua partecipazione al Forum”.

Come a dire, noi della presidenza del Consiglio non c’ entriamo niente, è stata la Lega a volere stop’ invito, o quanto meno il consigliere di Salvini, D’Amico.

L’approfondimento quotidiano lo trovi su Representative: editoriali, analisi, interviste e reportage

La selezione dei migliori articoli di Repubblica da leggere e ascoltare.

Rep Saperne di più è una tua scelta

Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica

Learn More